La gravidanza può causare problemi alla circolazione?

Personalmente ritengo che, fatti salvi casi rarissimi, la gravidanza non sia una malattia, bensì uno stato di salute. Anzi, di doppia salute!
Si stima che sulla Terra siamo più di 7 miliardi di persone. Quindi, tutto sommato, la gravidanza non deve funzionare così male.

È indubbio che durante la gestazione ci siano delle variazioni (ormonali, di peso corporeo, compressioni addominali, eccetera), che però possono essere gestite molto bene seguendo le indicazioni dello specialista ostetrico. 

Per quanto riguarda le gambe, in gravidanza possono comparire edemi (gonfiori), accentuarsi varicosità e teleangectasie (capillari). In generale, le alterazioni che si manifestano durante la “dolce attesa” regrediscono in gran parte nei 9 mesi successivi.

Possiamo comunque aiutare la natura con un buono stile di vita: brevi passeggiate ogni 1-2 ore, una postura con il torace ben aperto e un po’ di ginnastica respiratoria aiuteranno a mantenere attiva la circolazione venosa e linfatica. Inoltre, possono essere utili anche le calze elastiche.

Il mio consiglio è di consultare uno specialista angiologo per avere ragguagli specifici per il proprio caso. 

NOTA BENE:

Le informazioni diffuse dal questo sito sono destinate ad incoraggiare, e non a sostituire, le relazioni esistenti tra paziente e medico.
Si rammenta, infatti, che la visita medica rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

© Copyright Dott. Carlo Castellani Tarabini: La proprietà intellettuale dei contenuti degli articoli pubblicati appartiene al Dott. Carlo Castellani Tarabini. E' vietato riprodurre e/o copiare in qualsiasi modo, anche con fotocopia, e su qualsiasi media i contenuti di questa pubblicazione, senza previa autorizzazione scritta dell'Autore. Nel caso in cui si sia richiesta l'autorizzazione, ma non si sia ottenuta risposta, significherà che l'autorizzazione non è stata concessa.